Perché dovremmo tutti diventare cittadini monitoranti?

Alla Smart City Exhibition 2013 abbiamo presentato un articolo in cui abbiamo iniziato ad appuntarci gli effetti positivi che il monitoraggio civico può avere sul rafforzamento delle comunità civiche e sul capitale sociale dei territori e quindi, più in generale, sull’efficacia delle politiche pubbliche.

L’idea è che gli strumenti quali il web 2.0, gli Open Government Data, i primi esperimenti di hacktivism, l’utilizzo dei media civici abilitino nuove forme di partecipazione dal basso non solo alla programmazione e al disegno degli interventi ma anche all’attuazione e alla valutazione delle politiche di coesione da parte delle comunità locali, coinvolgendo così gli attori rilevanti, i beneficiari e i portatori interesse nell’arco di tutto il ciclo di policy.

Questo vale soprattutto nel Mezzogiorno, “caratterizzato, per ragioni storiche ma anche più recenti, da basso capitale sociale inteso come cultura civica”, così come risulta dall’analisi di pochi giorni fa del Ministro per la Coesione Territoriale Trigilia.
Il cd. “monitoraggio civico” degli interventi finanziati dalle politiche di coesione, che stiamo iniziando a promuovere su questo sito, è una prassi che potrebbe dotare le comunità civiche locali di strumenti per partecipare maggiormente alle decisioni, ma soprattutto incrementare la dotazione di capitale  sociale nei territori, promuovendo il senso di appartenenza al territorio stesso e di conseguenza la coscienza civica.

Vi proponiamo due livelli di approfondimento: per i più coraggiosi c’è l’articolo completo, altrimenti con poco più di 10 minuti potete seguire i tutti i passaggi più rilevanti nel video-prezi che abbiamo preparato per monithon.it!

Paola Liliana Buttiglione
Luigi Reggi

 

Il monitoraggio civico delle politiche di coesione e lo sviluppo delle comunità civiche by Luigi Reggi

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *