AAA Cercasi aiuto sulla scheda di monitoraggio dei progetti sui beni confiscati alle mafie

Sin dalla sua nascita, Monithon ha preso a cuore il tema della lotta alle mafie promuovendo il monitoraggio civico del riutilizzo dei beni confiscati da parte di associazioni e cooperative e altre realtà sociali.  Una operazione dall’alto valore simbolico su cui lo Stato non può permettersi di fallire.
Nelle ultime settimane, si sta facendo sempre più stretta la collaborazione con l’associazione Libera – dopo la partecipazione di molti del team di Monithon alla Summer School GIA’ in Puglia, Campania e Calabria – e con il progetto sperimentale OpenPompei nell’area campana.

Un percorso si sta avviando per definire le modalità più efficaci per raccogliere informazioni, evidenze, idee, suggerimenti sullo stato dei beni e sul loro reale utilizzo in tutto il Mezzogiorno, per poi valutare, dal basso, i risultati e gli impatti dei progetti finanziati dai Programmi Europei.  Informazioni che, attraverso il team di OpenCoesione, potranno essere veicolate alle amministrazioni che gestiscono i programmi, al fine non solo di “sbloccare” eventuali situazioni di difficoltà, ma anche di impostare al meglio i bandi della prossima programmazione 2014-2020 così come previsto nell’ultima bozza dell’Accordo di Partnenariato Nazionale (pag 84 e segg).
Si tratta di oltre 100 progetti in Campania, Puglia, Sicilia e Calabria con lo scopo di ristrutturare gli immobili confiscati e permettere alla cittadinanza di riappropriarsi di uno spazio pubblico.

Per capire meglio cosa vuol dire monitoraggio civico su un bene confiscato, qui si trova il racconto del primo Monithon a Ottaviano (NA) e la relativa scheda di monitoraggio civico.

Inoltre, da qualche settimana è possibile visualizzare e informarsi su questi progetti direttamente a partire dalla mappa di Monithon.it: basta selezionare, nel menu sulla destra, i Progetti di riutilizzo dei beni confiscati alle mafie.  Appariranno delle “chiavette” in corrispondenza della localizzazione di ciascun bene. Cliccando sulla chiavetta si può accedere alle informazioni contenute sul portale nazionale dei Fondi europei OpenCoesione.gov.it e rilasciate dalle Amministrazioni responsabili (il Ministero dell’Interno e le Regioni).  Una mappa molto simile a quella pubblicata dalla Regione Puglia nell’ambito dell’iniziativa Libera il Bene.

mappa beni

—- Ora occorre definire tutti insieme quali informazioni andiamo a raccogliere, definendo una griglia di domande efficaci! —-

Nel documento qui sotto abbiamo fatto una prima ipotesi di scheda di monitoraggio, per cui stiamo ricevendo da Libera i primi contributi.
Tutti – singoli o associazioni – possono farci avere la propria opinione commentando le domande direttamente nel documento oppure scrivendo a redazione@monithon.it

Per parlare della scheda e della mappatura saremo presenti  ai Forum regionali di Libera domani a Napoli e  mercoledì 18 a Bari.  Intanto buona lettura! 🙂

3 replies

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] su questi ultimi è in progress e aperta a chiunque voglia dare il proprio contributo (basta andare qui). In un territorio come quello campano cittadini che monitorano e controllano ciò che viene fatto […]

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *