Monithon al Festival del Giornalismo: ecco com’è andata

Giornata intensa all’hackathon del Festival del Giornalismo di Perugia! La nostra track su monithon è partita con l’esplorazione dei circa 3500 progetti attivi a Perugia su OpenCoesione.

II tema scelto dai partecipanti è stato infine quello dell’Agenda Digitale, in particolar modo il tema del contrasto al digital divide. Di cosa si tratta, esattamente? Lo scopo è capire quanti sono i cittadini del territorio umbro che non dispongono di una connessione a Internet che possa essere definita a “banda larga” (ovvero meno di 2 megabit al secondo). A questo scopo, la Regione Umbria ha deciso di attivare un portale web per consentirne il monitoraggio.

Per capirne di più, abbiamo chiesto un’intervista all’ing. Giovanni Gentili, responsabile dell’Agenda Digitale della Regione Umbria, e l’ing. Maria Presenza di CentralCom (oggi UmbriaDigitale), società consortile attuatrice del progetto oggetto di monitoraggio.

Nel report di monitoraggio trovate tutto quello che abbiamo scoperto: i nostri test al portale, le informazioni raccolte e i contenuti dell’interviste.

Nel frattempo, Davide Mancino ed Andrea Gianassi sono andati alla ricerca dei dati per contestualizzare il problema del digital divide in Umbria e nel resto del paese.

Con i dati del Ministero dello Sviluppo Economico (pubblicati come open data sul sito del Dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione),  abbiamo realizzato un articolo di data journalism con la mappa interattiva del digital divide in Italia che permette di capire quante persone in Italia, nonostante i finanziamenti europei già in campo da tempo, non hanno ancora accesso alla banda larga.

Screen Shot 2014-05-03 at 16.07.22

I partecipanti: Paola Liliana Buttiglione e Cinzia Roma (report della giornata), Chiara Ciociola (video e report), Davide Mancino e Andrea Gianassi (articolo di data journalism, mappa interattiva del digital divide), Erica Sirgiovanni e Luigi Reggi (interviste e report di monitoraggio civico)

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *