Two More Years of Civic Monitoring of EU Funds in Italy: The Results of the Students’ Investigations

Since the last post on the results of our civic monitoring of public policies, nearly 300 new monitoring reports have been added to the Monithon.it platform, more than twice the number that we had in 2016: 300 new studies, each focusing on one of many projects taking place throughout Italy that are funded by Cohesion (or Regional) Policy. This increase is an extraordinary achievement, making us proud to be part of this experiment in civic monitoring as a proactive way to use public data and to bolster civic engagement and public policy accountability.

Every since its creation, Monithon has positioned itself as both a tool and a research method, putting itself at the service of schools, universities, NGOs and local communities, nearly always as a group of volunteers and following with the philosophy of civic hacking.  To learn how Monithon came into being and about the people who are the driving force behind it, you can read our post from last year.

This year we are prouder than ever, because the quality of the reports we are publishing is constantly improving. The studies conducted over the last two years have, in almost 90% of cases, included an on-site visit to the project headquarters – the infrastructure or the location where a project financed with public funding is being conducted – involving the collection of data, videos, photos, and documents.  During these last 2 years, over 95% of our monitoring groups have conducted on-site interviews: 76% interviewed the public or private party that received the funds, and 56% interviewed residents of the local community to assess the project’s effectiveness from the perspective of the final beneficiaries of public policies. 38% were able to directly interview the public representatives responsible for the initiatives (mayors, town or regional councilors, province presidents, etc.) That’s not all: the ability to reconstruct the “administrative history” of funds provided, and the details of that reconstruction, are qualitative aspects that can be observed when reading the monitoring reports, beginning with the map or the list. In almost every case, you can find original videos containing the content of the interviews and each study’s principal findings – investigative data journalism on a small scale!

These results are largely the fruits of incredible work on the part of the project team from the OpenCoesione School (or ASOC), from the Italian “A Scuola di OpenCoesione), which uses Monithon during “Esplorare” (Explore), the most important phase in its educational programme in Italian high schools. It is where we can see how adept the students have become at interpreting, understanding and using public data, so as to hold institutions to account for the investments made in their neighborhoods or cities. In the most recent edition alone, spanning 2017-2018, around 5000 students were involved, under the direct guidance of 300 instructors working throughout Italy.  Nearly 88% of the reports you can find on Monithon.it are the result of these research activities.
The OpenCoesione School is constantly growing and raising its profile. Indeed, in recent years, the OpenCoesione initiative, which provides funding and coordination for ASOC from within the Italian Presidency of the Council of Ministers, has contributed to imparting an awareness of the practice of civic monitoring within regional public administrations and within national and European institutions.

There is no lack of similar programs at the university level. Thanks to the impetus provided by the Europe Direct center, every year the University of Turin holds a course devoted specifically to European policies and civic monitoring. The work carried out by the MoniTOcamera (2017) and MoniTOsitadela (2018) teams speaks for itself, taking its place alongside earlier studies, which are likewise of the highest quality. In Turin we also find a super interesting spin-off project, whose progress deserves to be closely followed: Monitorino.

In addition to providing support to schools and these early experiments in universities – of which the University of Pescara has recently become a part, with its course in Urban Planning – another of the Monithon community’s newest initiatives is the Sibari Integrity Pact (Calabria), which, thanks to Action Aid, has truly taken off, with the introduction of the first civic monitoring schools for members of the local community. This initiative is a game changer, not only for the Italian Ministry of Cultural Heritage and for local communities, but also for the European Commission, which recently adopted it as a model (see p. 26) for similar future initiatives aimed to fight corruption and encourage civic engagement.

In this post, we would like to share with you some of the enthusiasm and enjoyment that we experienced, as well as some of the discoveries – both positive and negative – that were made while putting together these monitoring reports. Here, too, we will begin with an analysis of our civic monitoring results: Which projects were examined? What were the main “assessments” reached? Then we will move on to recommendations for public decision-makers.


Monitoring of European Funds to reduce regional disparities

From the end of 2016 to May 2018, the number of monitoring reports rose from 177 to 475 – quite a leap! Each report, with a few limited exceptions, provides detailed information on a project initially chosen by a monitoring group from a list of approximately 950 thousand projects published on OpenCoesione.gov.it.  Thanks to the open data, we can link the findings of the monitoring projects to the principal characteristics of the projects being monitored, such as scale, funding sources, and thematic categories.

We thus discovered that the total funding for the projects monitored amounted to over 4.5 billion euros, of which over 3 billions’ worth had been subject to monitoring in the last 2 years alone.  Over half of these projects are financed by European Structural and Investment funds (ESIFunds). These are funds managed by the central and regional administrations, intended to reduce the gaps that exist between the different parts of the country (which is why there are many more projects in Southern Italy than in the Central and Northern regions). However, the number of monitored projects funded using resources that the Italian government makes available with the same objectives (“national funds”) is growing.  Whatever the case, whether these funds are allocated from national, European, regional or local budgets, they are all taxpayers’ money.

Using open data from OpenCoesione, we can also categorize projects according to theme. It goes without saying that the enormous resources needed to build or improve transportation infrastructures are also reflected in the sample of projects monitored. Indeed, the 53 projects that fall into this category account for nearly 3 billion of the total amount of funding.  Take, for example, the Crotone Airport, which is expected to provide an essential stimulus for the local economy.

As in our last post, the theme that users once again found most interesting was culture and tourism. This category is comprised of 141 projects, for a total of 530 million euros – investments which are essential for our nation and to which the competent authorities, who might be encouraged to participate thanks to civic monitoring, could make a significant contribution. We are talking about a truly vast number of different projects: from the restoration of the Royal Palace of Caserta to the renovation of the Apollo Theatre in Lecce (here is a link in English), from the Capuchin Monastery in Grottaglie (Taranto) to the Chilli Pepper (“Peperoncino”) Festival in Diamante, in Calabria.

There is also a new entry to our list of themes: social inclusion, and it is the sixth-most monitored to date. 38 projects, for instance, finance the reuse for social purposes of property confiscated from criminal organizations (e.g. the creation of the Centre for Antimafia Studies in Calabria) or the development of welfare services (such as the “Casa della Salute” health clinic in Bosa, Sardinia).


The assessments from the monitoring groups

The monitoring groups’ assessments of the public projects they investigate is the most essential element of their activities. Taken as a whole, their assessment has remained largely unchanged over the last two years. The majority of financed projects (64%) earned positive assessments. Of these, over two-thirds have already been completed and deemed to be useful, while the remainder are still ongoing, but what has been observed so far bodes well.

Some investments came as a pleasant surprise to the monitoring communities, who had a chance to discover them and explore them in more depth. One such investment assessed during the 2017 and 2018 monitoring was the renovation of the historic town center of Barletta, in Apulia. According to the team, called Reconstructing History (“Ricostruendo la Storia”), the project “led to an improvement in the quality of life for residents of the historic center and a moderate increase in tourism flows”. The solar power plant in Montefiascone, near Viterbo, has also had a positive impact in terms of “economic savings and a decrease in pollution in the surrounding area”. Yet another example is the MArTA (National Archaeological Museum) in Taranto, which, thanks to public funding, “received its highest ever number of visitors in 2016”.

The young people from the team “Cristallo dello Zingaro” in Trapani, while monitoring the safety projects at the Zingaro Nature Reserve, were struck by what they found: “The first thing that captures tourists’ attention is the unparalleled beauty of the land and seascapes”. The “masterful skill of the expert laborers in attempting to make everything as natural as possible, without however forgetting the primary purpose of their work, which is to safeguard people who are walking there, unaware of the dangers that the local area may present, was clear to see.”

The projects that did have problems represented approximately one-third of the whole: 11% have been completed but appear to be ineffective, while the remaining 21% are still ongoing but are having difficulty moving forward.  The assessment remained deferred on 3% of projects, which had only just begun. In a little while, we shall go into more detail regarding the difficulties encountered.

First, however, let us examine whether or not assessments changed depending on projects’ geographical locations. In this post, we will focus on the 4 regions with the greatest number of civic monitoring reports.
They are the main Southern Italian regions in terms of total European and domestic cohesion policy funding received.  The region with the highest percentage of positive assessments (68%, just slightly higher than the national average), shown in green in the chart, is Apulia. The region with the greatest number of problems, on the other hand, is Calabria, where just over half of projects received negative assessments. The statistic relating to projects which have been completed is striking, since these are more difficult to remedy. Nevertheless, these assessments are not set in stone. According to the authors of the reports, as we shall see below when we discuss recommendations, actions targeting “surrounding conditions” may restore even these projects’ effectiveness.

Moreover, as a general disclaimer, it goes without saying that Monithon’s sample of monitored projects is not statistically representative of the projects funded in the 4 regions. The projects in this sample are way too few and their selection depends on the choices and interests of the students. So this comparison is not about the regions’ performances on managing ESI Funds.

What factors determine a negative assessment?  The 300 reports most recently included in our calculations all basically confirm the same problems. Aside from the projects which never even got off of the ground – for example due to issues associated with access to funds, the granting of permits or licenses – a large number of public projects (10.9%) became blocked when already underway, due to problems of an administrative nature.

The principal problem found, however, was once again a general delay during the implementation phase of projects with respect to planned schedules (on OpenCoesione, for example, you can find information on planned timetables). This issue affects 18.1% of total projects monitored.  This is the case, for example, with the construction of a biotechnology center, which should be quick to keep pace with the newest developments in scientific research, but at the time of the monitoring visit was already 7 years behind.  In some cases, funds are linked to a specific project, one which cannot be separated from its context of implementation. Thus, in the province of Milan, the redevelopment of the wetlands along the Olona River is 2 years behind, “because the park’s redevelopment is linked to other projects related to the river, which have been impacted by bureaucratic complications”.

There is no lack of projects which are entangled amidst different funding sources, public administrations which are only partially responsible for them or who do not provide direct access to the work undertaken. In some cases, the students’ dedication is not enough to help us understand whether or not the money has been spent. And if it has been spent, what for? Why, despite public data stating that a large amount of funds have already been spent and accounted for to the European Commission, is there still a “lack of funding”? Here below you can find the doubts expressed by the young people in the “newscast” they put together about the renovation of the old historic district of the village of Senerchia, in Campania (in Italian).

Let’s now take a moment to examine the final phases of public project monitoring, which are even more intriguing: results and impact.  It is during this phase that the assessments of residents can provide a valuable source of information for administrations. However, with the exception of the most notable projects, residents are unfortunately not able to accurately gauge the usefulness or effectiveness of every financed project. Bear in mind that, even taking into account only those cohesion policy investments made between 2007 and 2015, there were about 1 million financed projects! Civic monitoring groups, however, can come to our aid by applying the principles of “crowdsourcing”, in other words, the ability of “crowds” to collect accurate data by dividing up the work of an assessment – immense in and of itself – into small tasks assigned to individuals (or, in this case, one project per group), in the same way that Wikipedia is collaboratively written.

In our case, an analysis of the qualitative data collected shows that only 3.6% of the projects examined were found to be unsatisfactory. This percentage is in line with the findings of our last report, and is relatively low. These are cases in which funding did not lead to adequate implementation. One such example, it would seem, is the water treatment plant in the municipality of Paola (Cosenza), where “sludge disposal issues and problems relating to plant management continue to exist”.  We find a similar issue with the funding for the development of a social computing platform for the University of Milano-Bicocca. In this case, due to a lack of additional financing that the university had been counting on, it was unable to do anything beyond the creation of a prototype, which can no longer even be viewed, as it was created using obsolete technologies. Graver still is the case of the Papardo di Messina Hospital’s Oncology Centre, which has unfortunately featured on the news. It simply “does not exist”.

Much more common (10%) are those projects that were implemented with good results, only to be deemed ineffective when viewed in the wider context in which they were made available. Even if the funds allocated for these projects in and of themselves were spent correctly, the effectiveness of the projects for their final beneficiaries remains a fundamental criterion on which any assessment of the success of public policies must be based. This is the case with the Multimedia Mountain Museum in Sicily, which only was open on one occasion, “due to high operating costs and a lack of staff”. Three very similar cases are those of three civil protection plans, for the Municipalities of MarcianisePalomonte and Casalnuovo di Napoli respectively, which received development funding but invested nothing in communicating what they had done to their local communities – which, as was discovered in the course of the interviews conducted, did not even know these plans existed.  Another example is that of the redevelopment of Piazza Savignano in Aversa (Naples), which was a complete success but, according to the monitoring group “did not bring about the social inclusion which had been the true crux of the project”.

Here you can find the video by the extremely capable young people from the FreeDam team, who monitored the Lordo Dam project in Calabria, with the interviews they conducted with local residents and the press conference they organised with the mayor, the bishop, and the president of an environmental monitoring centre.

A considerable number of the projects described immediately above constitute a significant subgroup: successfully implemented but useless in the absence of complementary initiatives which could unlock all of their potential effectiveness.  The center for the terminally ill in Oristano is complete, but “is still not hooked up to the electricity grid or city water” and “has yet to receive accreditation from the Local Health and Social Services Department (ASSL)”. It is therefore unable to be used, “a cathedral in the desert”.  More glaring still is the case of the South Fort in Reggio Calabria, whose redevelopment left our young people “open-mouthed”. “The structure is welcoming and attention has been paid to even the smallest details. The Fort appears suddenly around the last curve in the road, in all of its restored majesty and military linearity.” What a shame it is that the public cannot get to the fort, because the road is impassable and there are no signs to show the way.


The most recent recommendations from our monitoring groups

In 2017 and 2018, the quality and variety of suggestions has continued to grow – a true goldmine of “good ideas” for local decision makers!
Overall, the types of recommendations have followed the same trend from year to year.

A portion of the projects monitored (12%) are so useful that the main recommendation is to continue to further develop these projects in order to have an ever greater impact. Thanks to public financing, some of the buildings in the “Oasi la Valle” nature reserve on Lake Trasimeno have been renovated. Other buildings in the park, however, could be repurposed to “serve as laboratories for the education of young people, including those with disabilities, to help them learn skills such as how to manage a small botanical garden”. Let’s look at another example. Once the renovation of the Santissima Trinità Complex in Torre del Greco (Naples) is completed, thanks to over 4 million in funding, a “virtual exhibition” could be created, “which illustrates the history of the local area and the places that are its heart and soul, through the creation of a special app that encourages visitors to visit those places in real life”. For another example, let’s take the repair and renovation of the Barletta stadium: after the initial 1.3 million invested, why not “increase the number of people who want to get more involved with sports, including through the many events organized by the different sports clubs that use the field on a regular basis?”

In other cases (7%), the monitoring groups complained of “governance” problems. These occur when public administrations “don’t talk to each other”, and political conflicts and a lack of coordination are piled on top of existing bureaucratic problems. Unfortunately, this was the case with the project for the improvement of the Messina-Palermo and Messina-Syracuse railway lines, worth 28 million in financing. According to the monitoring group, the work is stopped, with only 10% of total implementation achieved, given an absence of “clear objectives on an institutional policy level”. In addition, it appears “essential” that “a network that can coordinate the actions of all of the parties involved be created”.  In other cases, recommendations encourage the creation of a collaborative governance system, one which could involve local residents, schools and communities as active participants. For instance, the students from the “Dream Energy” group in Casal di Principe (Caserta) have offered to design and implement “projects that are in the interest of the community, with the active participation of local residents”, so as to raise awareness regarding the extremely useful “Pio La Torre” Centre for Environmental Education and Documentation, a bastion of legality. This is possible thanks to “constant contact between schools and public institutions”.

As in past years, the last two years have seen numerous (14%) recommendations for improving communication on the amount of good that public investments – including European funds – are doing for local areas. This applies to projects, both large and small, that have been monitored over the past two years. Even the simple construction of a multistory parking garage in Somma Vesuviana (Naples) can help to meet the need for improved mobility, but it is necessary to have “greater publicity for the project and encourage more people to use it”. Turning our attention to the Municipal Selective Waste Collection Centres in Martina Franca (Taranto), the “civic monitoring team intends to actively contribute to the implementation of an information programme, which has been planned to help raise awareness and communicate methods of use and the importance of this new service. The team is offering to create videos to disseminate this information, to participate in ‘environment days’ in the square, to organise and lead educational-play activities for children, [and] to implement a Telegram bot to inform people about selective waste collection services”.

Lastly, the bulk of recommendations focused on specific suggestions regarding individual projects, dealing with issues such as how to unblock a problematic situation or how to improve a key aspect in terms of effectiveness. Dozens of civic monitoring reports contain specific recommendations, which are at the disposal of the local administrations and the companies that are implementing these public projects. For example, with regard to the project dealing with the redevelopment of the Seveso in Sesto San Giovanni (Milan), the students are convinced that “one way to stop the Seveso from overflowing its banks would be to construct a stormwater holding basin, but before the water enters such a basin, it must first be filtered”. The excellent study conducted by the Corsari Assetati team contains a fair number of suggestions on how to use the wastewater generated by the Acqua dei Corsari water treatment plant in Palermo: “uses include irrigation, street cleaning, machine cooling, extinguishing fires, but it could also simply be used for periodic cleaning of the sewer system, so as to prevent the streets from flooding.”  These types of recommendations were also discussed on May 22, at a ForumPA workshop.


The potential of civic monitoring: assessing effectiveness from the user standpoint

The most interesting potential application of civic monitoring may, however, lie in its ability to determine to which specific project, within the broader area of implementation, funding should be allocated. In this way, it is possible to provide precise recommendations to enable a more fully effective use of public finances, one which includes not only those aspects related to the implementation of planning within predetermined timeframes and administrative and financial constraints, but also takes into consideration the actual usefulness of the project within its local area.

It is extremely interesting to note that many monitoring reports, especially during the last two years, have placed great importance on “surrounding conditions”, those which make it possible for financing to truly serve to meet the needs of community residents and local businesses.

A case in point is the Epizephyrian Locris National Archaeological Museum, “one of the most important archaeological sites in the world”, which is in need of commitment on the part of national, regional and local institutions for its development and promotion, for example to help “improve the quality of the roads that lead to it, making them more accessible to more effective modes of transport, and for more welcoming hotels and accommodation facilities”.   The funding for the Scalea (Cosenza) airfield is also of scant effectiveness if “the Regional public services and hotel infrastructures are not improved so as to better manage tourist accommodation during the summer season”.
The same is true for much smaller-scale projects as well, such as the expansion of the Restricted Traffic Area in Aversa (Caserta), which is useless without the “presence of traffic police at the entry points and constantly operating video cameras” or a “geolocation system for bicycles, to prevent them from being stolen”.

In conclusion, the potential applications of civic monitoring in the public policy sphere are becoming apparent. What began as a game in 2013 and gained structure as a method in 2014 has taken root, in following years, as a part of actual “classes for the citizens of tomorrow” that are being taught in schools, universities and civic communities, with more people trying it out in ever more useful ways. The monitored projects, while still far from representing any sort of statistically significant sample, have been the object of in-depth studies, which have led to the generation of new data and information and, in many cases, “good ideas” as well.  To the public administrations falls the task of knowing how to make the most of them!

Altri due anni di monitoraggio civico: il report aggiornato sui risultati di Monithon

Dall’ultimo post sui risultati del monitoraggio civico delle politiche pubbliche, la piattaforma Monithon.it si è arricchita di quasi 300 nuovi report di monitoraggio, più del doppio di quanti erano presenti a fine 2016: 300 nuove ricerche incentrate ognuna su un progetto finanziato dalle politiche di coesione in tutta Italia. Questa crescita è un risultato straordinario, che ci rende orgogliosi di contribuire alle sperimentazioni del monitoraggio civico come metodo di uso proattivo degli open data pubblici, di partecipazione civica e accountability delle politiche pubbliche.

Dalla sua creazione, infatti, Monithon si propone come strumento e metodologia di ricerca al servizio di scuole, università, associazioni e comunità locali, in modo quasi sempre volontario e secondo la filosofia dell’hacking civico.  Vedi ancora il nostro post dell’anno scorso per capire come nasce Monithon e chi lo porta avanti.

Quest’anno siamo ancora più orgogliosi perché la qualità dei report pubblicati è in costante miglioramento. Le ricerche sviluppate negli ultimi due anni hanno incluso in quasi il 90% dei casi una visita diretta alle sedi dei progetti – un’infrastruttura o il luogo dove viene erogato un servizio finanziato da fondi pubblici – con la raccolta di dati, video, foto e documenti.  Sempre negli ultimi 2 anni, oltre il 95% dei gruppi di monitoraggio ha effettuato interviste sul campo: il 76% ha intervistato il soggetto pubblico o privato che ha ricevuto i finanziamenti, il 56% ha intervistato i cittadini della loro comunità locale per valutare l’efficacia del progetto secondo la prospettiva dei beneficiari ultimi delle politiche pubbliche. Il 38% è riuscito a intervistare direttamente i responsabili politici (sindaci, assessori comunali o regionali, presidenti di provincia, etc.). Non solo: la capacità di ricostruire la “storia amministrativa” dei finanziamenti erogati e il dettaglio di questa ricostruzione sono aspetti qualitativi che si possono apprezzare andando a leggere i report di monitoraggio a partire dalla mappa o dall’elenco. Quasi sempre sono disponibili video originali che riportano i contenuti delle interviste e i principali risultati delle ricerche – piccole inchieste di data journalism!

Questi risultati sono principalmente il frutto del lavoro incredibile del team del progetto A Scuola di OpenCoesione (ASOC), che utilizza Monithon nella tappa più importante del suo percorso didattico, chiamata “Esplorare“. Da qui si capisce come i ragazzi siano diventati così bravi a leggere, capire e utilizzare i dati pubblici per chiedere conto alle istituzioni degli investimenti effettuati nel loro quartiere o nella loro città. Solamente nell’ultima edizione 2017-2018, sono stati coinvolti circa 5000 studenti, guidati dall’impegno diretto di 300 docenti in tutta Italia.  Quasi l’88% dei report presenti su Monithon.it è il frutto di queste attività di ricerca.
A Scuola di OpenCoesione è in costante crescita anche dal punto di vista della riconoscibilità istituzionale: l’iniziativa OpenCoesione, che finanzia e coordina ASOC presso la Presidenza del Consiglio, negli ultimi anni ha contribuito a far conoscere la pratica del monitoraggio civico presso le amministrazioni regionali, le istituzioni dello Stato e quelle europee.

Non mancano però le sperimentazioni di percorsi simili anche in campo universitario. All’Università di Torino, grazie allo sforzo propulsivo del Centro Europe Direct, ogni anno si effettua un corso specificatamente dedicato alle politiche europee e al monitoraggio civico. I lavori dei team MoniTOcamera (2017) e MoniTOsitadela (2018) parlano da soli, aggiungendosi alle precedenti ricerche già di ottimo livello. A Torino è anche da seguire con attenzione uno spin-off super interessante: Monitorino.

Tra gli impegni più recenti della comunità di Monithon, oltre al supporto alle scuole e alle prime sperimentazioni universitarie – a cui si è recentemente aggiunta l’Università di Pescara con il suo corso di Urbanistica – è fondamentale il contributo alla realizzazione dell’Integrity Pact di Sibari (Calabria), che, grazie ad Action Aid, è entrato nel vivo con le prime scuole di monitoraggio civico rivolte alla cittadinanza locale. E’ un’iniziativa game changer non solo per il Ministero dei Beni Culturali e le comunità territoriali, ma anche per la Commissione Europea, che lo ha recentemente assunto a modello (vedi a pag. 26) per futuri interventi di questo tipo contro la corruzione e a favore della partecipazione civica.

In questo post vi vorremmo trasmettere un po’ dell’entusiasmo, del divertimento e delle scoperte – positive e negative – che hanno accompagnato lo sviluppo dei report di monitoraggio. Si parte, anche in questo caso, dall’analisi dei risultati del monitoraggio civico – quali progetti sono stati analizzati? Quali sono i principali “giudizi” maturati? – per poi passare ai suggerimenti indirizzati ai decisori pubblici.


I finanziamenti pubblici monitorati

Da fine 2016 a maggio 2018 i report di monitoraggio sono passati da 177 a 475: davvero un bel salto! Ciascun report, tranne limitate eccezioni, entra nei dettagli di un progetto scelto inizialmente dal gruppo di monitoraggio a partire dalla lista dei circa 950mila progetti pubblicati su OpenCoesione.gov.it.  Grazie agli open data, possiamo collegare i risultati dei monitoraggi alle caratteristiche fondamentali dei progetti monitorati come la dimensione finanziaria, le fonti di finanziamento, i temi di appartenenza.

Scopriamo così che l’ammontare complessivo delle risorse finanziarie dei progetti monitorati supera i 4,5 miliardi di euro, di cui oltre 3 miliardi monitorati nei soli ultimi 2 anni.  Oltre la metà dei progetti è finanziato dai cosiddetti “fondi europei”: in questo caso si tratta dei fondi gestiti dalle amministrazioni centrali e regionali per ridurre i divari tra le diverse aree del paese (ecco perché sono molti di più al Sud rispetto al Centro-Nord). Cresce però la quota di progetti monitorati che sono finanziati da risorse che lo Stato mette a disposizione con esattamente gli stessi obiettivi (“fondi nazionali”).  In ogni caso, si tratta di finanziamenti che trovano copertura nel bilancio nazionale, in quello europeo o in quelli regionali e locali: insomma i soldi dei contribuenti.

Sempre attraverso i dati aperti di OpenCoesione possiamo classificare i progetti per tema. Inutile dire che le ingenti risorse necessarie per costruire o migliorare le infrastrutture di trasporto si riflettono anche nel campione di progetti monitorati: ai 53 progetti su questo tema corrispondono quasi 3 miliardi di finanziamenti complessivi.  Un esempio: l’aeroporto di Crotone, la cui realizzazione è ancora in corso appena conclusa, che costituirebbe un volano fondamentale per l’economia della zona.

Rispetto al nostro ultimo post, il tema più interessante per gli utenti si conferma quello della cultura e del turismo. Si tratta di 141 progetti per un ammontare di 530 milioni – investimenti fondamentali nel nostro paese e su cui le competenze attivabili grazie al monitoraggio civico possono dare un contributo rilevante. Parliamo davvero di una miriade di interventi diversi: dal restauro della Reggia di Caserta al recupero del Teatro Apollo di Lecce (qui in inglese!), dal Convento dei Cappuccini a Grottaglie (Taranto) al Festival del Peperoncino di Diamante in Calabria.

Tra i temi c’è anche una new entry: il sesto tema più monitorato, ad oggi, riguarda l’inclusione sociale. 38 progetti finanziano, ad esempio, il riutilizzo di beni confiscati alla criminalità organizzata a scopi sociali (es. la realizzazione del Centro Studi sull’Antimafia in Calabria) o lo sviluppo di servizi assistenziali (come la Casa della Salute a Bosa, Sardegna).

Il giudizio dei gruppi di monitoraggio

Il giudizio dei gruppi di monitoraggio sui progetti pubblici visitati è il punto cruciale delle attività. Complessivamente, negli ultimi due anni il giudizio è rimasto sostanzialmente invariato. La maggior parte dei progetti finanziati (64%) conquista un giudizio positivo. Di questi, oltre due terzi sono già conclusi e ritenuti utili, e i rimanenti sono in corso ma fanno ben sperare.

Alcuni investimenti rappresentano una graditissima sorpresa per le comunità di monitoraggio, che hanno l’occasione di scoprirli e conoscerli meglio. Ad esempio, durante gli ultimi monitoraggi degli anni 2017 e 2018, è molto piaciuta la ristrutturazione del centro storico di Barletta, in Puglia. Secondo il team Ricostruendo la Storia, il progetto “ha portato ad un miglioramento della qualità di vita dei residenti del centro Storico ed ad un discreto aumento dei flussi turistici”. Anche l’impianto fotovoltaico di Montefiascone, vicino a Viterbo, ha portato ricadute positive in termini di “risparmio economico e diminuzione dell’inquinamento nell’ambiente circostante”. Un altro esempio: il museo MArTA di Taranto, che grazie ai finanziamenti pubblici “è riuscito a raggiungere nel 2016 il massimo storico di visitatori”.

Anche i ragazzi del team “Cristallo dello Zingaro” di Trapani, monitorando gli interventi per la sicurezza della riserva naturale dello Zingaro, sono rimasti colpiti: “la prima cosa che rapisce lo sguardo del turista è la bellezza senza eguali del paesaggio”. Risulta “evidente la maestria degli abilissimi operai nel cercare di rendere il tutto il più naturale possibile senza dimenticare la funzione primaria dei lavori, ossia salvaguardare chi cammina, ignaro dei pericoli che il territorio può riservare”.

I progetti con problemi sono invece circa un terzo del totale: l’11% è concluso ma appare inefficace, mentre i rimanenti 21% sono ancora in corso e hanno difficoltà a procedere.  Sul 3% dei progetti appena iniziati il giudizio è sospeso. Parliamo tra poco, più in dettaglio, delle difficoltà riscontrate.

E’ interessante ora andare a vedere se il giudizio cambia a seconda della localizzazione geografica. In questo post ci concentriamo sulle 4 regioni dove è maggiore il numero dei report di monitoraggio civico. Queste sono le principali regioni del Mezzogiorno in termini di finanziamenti totali ricevuti dalla politica di coesione europea e nazionale.  La Puglia è la regione con il maggior numero di giudizi positivi (68%, di poco superiore alla media nazionale), colorati in verde nell’infografica. La Calabria, all’opposto, presenta maggiori difficoltà: poco più della metà dei progetti sono giudicati negativamente. Colpisce in particolare il dato sui progetti conclusi, su cui si fa più fatica a rimediare. Non si tratta però di un giudizio inappellabile: secondo gli estensori dei report, come vedremo dopo parlando dei suggerimenti, agendo su alcune “condizioni al contorno” anche questi progetti possono riguadagnare in efficacia.

Cosa determina il giudizio negativo?  Anche gli ultimi 300 report inclusi in queste elaborazioni confermano tutto sommato le stesse problematiche. A parte i progetti nemmeno avviati per problemi legati, ad esempio, all’accesso a finanziamenti, autorizzazioni o concessioni, una buona parte degli interventi pubblici (10,9%) si incaglia durante il percorso per problemi di natura amministrativa.

Il principale problema rilevato, però, si conferma essere il generale ritardo nella realizzazione dei progetti rispetto a quanto pianificato (su OpenCoesione, ad esempio, si possono trovare dati sulle tempistiche previste). Si tratta dell’18,1% del totale dei progetti monitorati.  Ad esempio, la costruzione di un centro per le biotecnologie, che dovrebbe essere rapido ad inseguire la frontiera della ricerca scientifica, al tempo della visita di monitoraggio scontava 7 anni di ritardo.  In alcuni casi, il finanziamento riguarda uno specifico intervento che, però, non può essere scisso dal contesto in cui si realizza. Così in provincia di Milano la riqualificazione delle zone umide sul fiume Olona è in ritardo di 2 anni “perché la riqualificazione del parco è legata ad altri progetti riguardante il fiume che hanno avuto delle complicazioni burocratiche”.

Non mancano i progetti per cui è difficile districarsi tra finanziamenti diversi, amministrazioni che rispondono solo parzialmente o che non danno diretto accesso alle opere. In alcuni casi, l’impegno degli studenti non è sufficiente per capire: i soldi sono stati spesi? Per fare cosa? Perché ancora “mancano i finanziamenti” a fronte di dati pubblici che dicono che molti ne sono stati già spesi e rendicontati alla Commissione Europea? Qui di seguito i dubbi dei ragazzi nel loro “TG” sul recupero del borgo antico di Senerchia, in Campania.

Ancora più interessante è soffermarsi sulle ultime fasi del monitoraggio degli interventi pubblici: il risultato e l’impatto.  E’ in questa fase dove il giudizio dei cittadini rappresenta un’informazione preziosa per le amministrazioni, che purtroppo, con l’eccezione dei progetti più rilevanti, non hanno la capacità di verificare puntualmente l’utilità e l’efficacia di ogni singolo progetto finanziato. Ricordiamo che, solo considerando gli investimenti della politica di coesione dal 2007 al 2015, i progetti finanziati sono quasi 1 milione! I gruppi di monitoraggio civico, però, vengono in aiuto applicando i principi del cosiddetto crowdsourcing, cioè la capacità delle “masse” di cittadini di raccogliere dati puntuali andando a suddividere un lavoro di valutazione di per sé immenso in piccoli compiti affidati a ciascuno (in questo caso, un progetto per gruppo), così come avviene per la redazione collettiva di Wikipedia.

Nel nostro caso, l’analisi dei dati qualitativi raccolti mostra che solo il 3,6% dei progetti esaminati ha un risultato non soddisfacente. E’ un dato in linea con quanto già rilevato nell’ultimo report, ed è relativamente basso. Si tratta dei casi in cui il finanziamento non ha portato una realizzazione adeguata: così sembra, ad esempio, nel caso dell’impianto di depurazione nel comune di Paola (Cosenza), per cui “permangono problemi di smaltimento di fanghi e di gestione dell’impianto stesso”.  Così capita anche ad un finanziamento per lo sviluppo di una piattaforma per il social computing dell’Università Milano Bicocca che, per mancanza di altri finanziamenti su cui si faceva conto, non ha potuto realizzare che un prototipo ormai nemmeno più visionabile perché realizzato con tecnologie obsolete. Più grave il caso del Polo Oncologico dell’ospedale Papardo di Messina, purtroppo noto alle cronache, che semplicemente “non esiste”.

Molto più diffusi (10%) sono i casi di progetti realizzato con buoni risultati, ma valutati non efficaci se inseriti nel contesto più ampio in cui sono resi disponibili. Anche se di per sè il progetto ha speso correttamente i fondi assegnati, l’efficacia per i beneficiari finali rimane un parametro fondamentale su cui valutare la buona riuscita delle politiche pubbliche. E’ il caso del Museo Multimediale della Montagna in Sicilia, è rimasto aperto una sola volta “a causa degli elevati costi di gestione e della mancanza di personale”. Tre casi molto simili riguardano altrettanti piani di protezione civile dei Comuni di Marcianise, Palomonte e Casalnuovo di Napoli, che hanno ricevuto finanziamenti per il loro sviluppo ma che non hanno investito nella comunicazione alla popolazione, che, a seguito delle interviste realizzate, non ne conosce nemmeno l’esistenza.  Un altro esempio: la riqualificazione di piazza Savignano ad Aversa (Napoli) è perfettamente riuscita, ma, secondo il gruppo di monitoraggio, il progetto “non è riuscito a ottenere quell’inclusione sociale che era invece il vero nodo dell’intervento”.

Qui c’è il video dei bravissimi ragazzi del team FreeDam che ha monitorato la Diga sul Lordo, in Calabria, con le interviste alla cittadinanza e la conferenza stampa con il sindaco, il vescovo e il presidente di un osservatorio ambientale.

Un particolare sottoinsieme di questi ultimi interventi sono quelli giudicati ben realizzati ma inutili in mancanza di interventi complementari, che potrebbero invece rendere effettivo tutto il loro potenziale.  La struttura per malati terminali a Oristano è completa ma “non ha ancora gli allacci elettrici e dell’acqua” e “deve ricevere l’accreditamento da parte della ASSL”, perciò inutilizzabile, “una cattedrale nel deserto”.  Ancora più evidente il caso del Fortino Sud di Reggio Calabria, la cui riqualificazione ha lasciato i ragazzi “a bocca aperta”. “La struttura è accogliente e curata nei minimi particolari. Il Forte ci appare all’improvviso, dopo l’ultima curva, in tutta la sua ritrovata maestosità e linearità militare”. Peccato che sia impossibile per il pubblico raggiungere il fortino, perché la strada non è percorribile e manca la cartellonistica.


Gli ultimi suggerimenti dei gruppi di monitoraggio

Tra il 2017 e il 2018 la qualità e la varietà delle proposte è sempre maggiore – una vera miniera di buone idee per i decisori locali!
A livello aggregato, le tipologie di suggerimenti seguono un trend che si rafforza di anno in anno.

Una parte dei progetti monitorati (12%) è così utile che il principale suggerimento è di andare avanti e sviluppare ancora di più gli interventi per un impatto sempre maggiore. Grazie al finanziamento pubblico, una parte delle strutture del parco naturalistico “Oasi la Valle” sul lago Trasimeno sono state recuperate: altri edifici del parco però potrebbero essere riadattati per “fungere da laboratori per la formazione dei ragazzi, anche disabili, volta a saper gestire, per esempio, un piccolo orto botanico”. Un altro esempio. Una volta recuperato il Complesso SS. Trinità a Torre del Greco (Napoli) grazie a oltre 4 milioni di finanziamento, si potrebbe realizzare anche “un percorso espositivo virtuale, che ripercorre la storia del territorio i suoi luoghi dell’anima creando un’app apposita che invoglia il visitatore a recarsi sui luoghi reali”. O ancora: dopo aver investito 1,3 milioni per sistemare lo stadio di Barletta, perché non “aumentare il numero delle persone che vogliono avvicinarsi allo sport, anche grazie ai tanti eventi organizzati dalle diverse associazioni sportive che utilizzano abitualmente il campo”?

In altri casi (7%) i gruppi di monitoraggio lamentano problemi di “governance”. Succede quando le amministrazioni “non si parlano tra loro”, e ai problemi burocratici si sommano confilitti politici o mancanza di coordinamento. E’ capitato, putroppo, nel caso del rafforzamento della linea ferroviaria Messina-Palermo e Messina-Siracusa, che vale 28 milioni di finanziamento. Secondo il gruppo di monitoraggio, i lavori sono fermi al 10% della realizzazione complessiva data l’assenza di “chiari gli obiettivi sul piano politico istituzionale”, mentre appare “imprescindibile la creazione di una rete in modo da raccordare le azioni di tutti i soggetti coinvolti”.  In altri casi i suggerimenti sono verso la creazione di una governance collaborativa che si apra alla partecipazione attiva della cittadinanza, delle scuole, delle comunità locali. Ad esempio, gli studenti del gruppo “Dream Energy” di Casal di Principe (Caserta) si propongono di elaborare e realizzare “progetti nell’interesse della collettività, con la partecipazione attiva dei cittadini” per valorizzare l’utilissimo Centro di Educazione e Documentazione Ambientale “Pio La Torre”, un baluardo della legalità. Questo grazie al “contatto continuo tra scuole e Istituzioni”.

Rispetto agli anni precedenti, nell’ultimo biennio si confermano numerosi (14%) i suggerimenti per migliorare la comunicazione su quanto di buono fanno gli investimenti pubblici – compresi i fondi europei – per i territori. E’ così per interventi, grandi o piccoli, monitorati negli ultimi due anni. Anche solo la realizzazione di un parcheggio multipiano a Somma Vesuviana (Napoli) può far qualcosa per venire incontro alle esigenze di migliore mobilità, ma occorre “pubblicizzare di più il progetto e incentivare più persone al suo utilizzo”. Per quanto riguarda di Centri Comunali per la Raccolta differenziata a Martina Franca (Taranto), il “team di monitoraggio civico intende fattivamente contribuire all’attuazione del piano di comunicazione previsto per sensibilizzare e comunicare le modalità e l’importanza del nuovo servizio proponendosi per realizzare video divulgativi, partecipare a giornate ecologiche in piazza, movimentare attività ludico-didattiche per i più piccoli, implementare un bot Telegram sui servizi di raccolta differenziata”.

Infine, la maggior parte dei suggerimenti si concentra su indicazioni puntuali riguardanti il singolo progetto: come sbloccare una situazione problematica o come migliorare un aspetto chiave in termini di effiacia. Decine di rapporti di monitoraggio civico hanno suggerimenti puntuali a disposizione delle amministrazioni locali e le imprese che realizzano gli interventi pubblici. Ad esempio, sul progetto per la riqualificazione del Seveso a Sesto San Giovanni (Milano), gli studenti sono convinti che “una soluzione al problema dell’esondazione del Seveso è la realizzazione di una vasca a laminazione però prima che l’acqua entri in una di queste dovrà essere filtrata”. L’ottima ricerca del team Corsari Assetati offre non pochi suggerimenti su come utilizzare le acque reflue prodotte dall’impianto di depurazione Acqua dei Corsari a Palermo: “usi irrigui, lavaggio strade, raffreddamento macchinari, spegnimento incendi, ma anche, semplicemente, per una pulizia periodica delle fognature, onde evitare allagamenti delle strade”.  Di questo tipo di suggerimenti se ne è discusso anche il 22 maggio ad un workshop di ForumPA.


Le potenzialità del monitoraggio civico: una valutazione di efficacia dal punto di vista degli utenti

Ma forse la potenzialità più interessante del monitoraggio civico è la capacità di collocare il finanziamento ad un intervento specifico nel contesto più ampio dell’area in cui viene realizzato. E’ possibile così fornire indicazioni precise verso una piena efficacia dell’uso dei fondi pubblici, che comprende non solo gli aspetti di realizzazione di quanto pianificato nei tempi previsti e nel rispetto dei vincoli amministrativi e finanziari, ma anche l’effettiva utilità del progetto per il suo territorio di riferimento.

E’ molto interessante vedere come molti report di monitoraggio, soprattutto negli ultimi due anni, abbiano dato molta importanza alle “condizioni al contorno” che rendono i finanziamenti davvero rispondenti ai bisogni dei cittadini e delle imprese.

E’ così nel caso del Museo Archeologico Nazionale di Locri Epizefiri, “uno dei più importanti siti archeologici del mondo”, che necessita dell’impegno delle istituzioni nazionali, regionali e locali per una sua definitiva valorizzazione, aiutando ad esempio a “migliorare la percorribilità delle strade di collegamento, offrire la disponibilità di mezzi di trasporto più efficaci e di strutture ricettive alberghiere e para alberghiere più accoglienti”.   Anche i finanziamenti all’aviosuperficie di Scalea (Cosenza) sono poco efficaci se non sono “migliorati i servizi pubblici della Regione e le infrastrutture alberghiere per gestire al meglio l’ accoglienza dei turisti durante la stagione estiva”.
Lo stesso vale anche per progetti ben più circoscritti, come l’ampliamento della zona ZTL ad Aversa (Caserta), inutile senza la “presenza di vigili urbani nei pressi dei punti di varco e il funzionamento costante delle telecamere” o di “un sistema di geo localizzazione delle biciclette, per prevenirne il furto”.

Insomma, le potenzialità del monitoraggio civico delle politiche pubbliche iniziano ad essere evidenti. Partite come un gioco nel 2013, strutturate come metodo nel 2014 e innestate, negli anni successivi, in veri e propri “corsi per cittadini di domani” nelle scuole, nelle università e tra le comunità civiche, le sperimentazioni si sono fatte via via più numerose e utili. I progetti monitorati, ancora lontani da rappresentare un qualsivoglia campione statisticamente significativo, sono stati oggetto di ricerche approfondite, che hanno portato a generare nuovi dati e informazioni e, in molti casi, anche “buone idee“.  Alle amministrazioni il compito di saperne trarre il meglio!

The light and the dark side of the use of EU funding: the results of Monithon’s civic monitoring

It has been four years since the team of the Italian national portal of open data OpenCoesione, while taking part in the first gathering of the Spaghetti Open Data community, proposed to transform a hack-athon into moni-thon, that’s to say a civic monitoring marathon of public funding.

The idea was and still is simple: to choose a project that had received funding on OpenCoesione, organize ourselves into groups and personally go and verify how the money had been spent.

In this post we will discuss the results of the Monithon initiative four years after its first experiments in Italy: Which projects were monitored? How? What were the opinions of users about the public projects? What problems were detected and how can they be solved?

In a second post we will see what impact the monitoring had, in terms of creating new relations at local level and improvements in public decision making.


Four years of civic monitoring

On 19 January 2013 it was fun to organize the first civic monitoring visit in Bologna, Italy. We were a small group of journalists, public administrators and curious citizens. The “Bar Giuseppe”, right in the city centre, which had received public funding to renovate its premises, intrigued us immediately. The bar was closed! But we went back there the following year. We went to take photos and knock at the door of schools in Bologna that had received funds from the Province to finance works, putting all acquired information into a Google Doc.

The initial civic monitoring group in Bologna (2013)

It immediately became clear that just one day was not enough for a proper monitoring. We needed to make appointments for interviews, to analyze data before hand in order to find the exact address of the projects to inspect, to collect all the details in one place…. proper research work that requires weeks or months, as well as appropriate means. Basically what we call Slow Hacking.

The turning point was the Open Data Day in Bari and the Journalism Festival in Perugia in 2014 which followed. During the event’s hackathon, the website Monithon.it was created: at the time it was a large map that pinpointed the most interesting projects to monitor. The code was based on an adaptation of the open source project Ushahidi, which had been used to monitor elections in Nairobi. The group included data journalists, analysts, activists and open data enthusiasts.

The Monithon team at the EU Hackathon in Bruxelles (2015)

With a zero budget, a bit for the sake of it, a bit for civic passion and a bit for the pleasure of sharing this passion with an open and curious community, Monithon evolved into a methodology and a platform to share the results of monitoring initiatives. The Civic Monitoring Reports allow us to collect information that can be compared even when prepared by different monitoring groups. While these groups spread to almost all Italian regions, thanks to the campaigns launched during the Open Data Day of 2014 and the “Primavera di Monitoraggio Civico” (Spring of Civic Monitoring) of 2015, a central staff was involved in developing common instruments, in supporting activities on the field and validating reports that were being prepared for publication.

The first concrete results were celebrated by no less than the UN’s General Assembly during the Open Government Partnership Awards, which saw the participation of Barack Obama: here the partnership between OpenCoesione-Monithon representing Italy at the event was ranked fourth in the world. The judges were struck by the capacity of a government initiative for open data to actively involve so many people.

Monithon has continued to grow over the years thanks to the schools that take part in the project A Scuola di OpenCoesione, but also thanks to the involvement of universities, local communities and national associations, as a shared and open-to-all instrument and a format to plan and structure civic curiosity.


Who performs civic monitoring?

The authors of the report are mostly, and increasingly, the teams of high-schools that are involved in the project A Scuola di OpenCoesione (ASOC), one of the initiatives of OpenCoesione. The students – who are extremely motivated – have happily “taken over the control” of the Monithon platform with dozens of new reports each year, and with a quality level that has improved dramatically over the years!

We are also counting a lot on the future contribution of higher education students. In this post we discuss the adventures of the group of students in Turin of MoniTOreali.

In the period 2013-early 2014, while we were in the phase of defining the methodology, the majority of reports were prototypes created by the Monithon staff or by individual citizens, some of which members of the initial group that experimented with the tools in their cities.

The peak in the use of Monithon by local communities occurred in the spring of 2014 during the Open Data Day, when 12 cities throughout Italy did a “Monitoring marathon” simultaneously, all video-connected to Rome. Some of these communities remained active and continued to put pressure in order for problems to be solved.  This is the case of the association Monithon Calabria or of the informal community Monithon Piemonte, which were explicitly created to promote open data and the civic monitoring of European funds.

Over the last two years we have witnessed a strengthening of partnerships with major national associations. For example Action Aid Italia has participated with Monithon in a number of civic monitoring initiatives in the regions of Puglia, Marche and Emila-Romagna, which culminated in the joint participation in the Integrity Pacts tender of the European Commission, a huge project that has just started and offers great expectations! The networks Libera and the Gruppo Abele are another example of collaborations that have been ongoing for 3 years, thanks to which Monithon was able to develop a methodology for the civic monitoring of assets seized from criminal organizations, and of the relevant public financing, which was also used to start another grassroots project, Confiscati Bene.


What is monitored?

There are 177 Civic Monitoring Reports on Monithon.it. Each one of them examines a project financed with public funds: almost all of them (94%) were chosen starting from OpenCoesione.gov.it. Looking at the number of projects, 177 analyzed projects seems like a small number compared to the 930,000 currently listed on OpenCoesione. The truth is that the selected projects are often significant from a financial point of view, and this is why the total value of their funding exceeds 1.26 billion euro. It’s mainly resources that have been granted by the European Structural Funds and the connected national co-financing (which means the European Regional Development Fund and to a lesser extent the European Social Fund).

The majority of the Monitoring Reports put the spotlight on projects for the preservation of the Italian artistic and cultural heritage, often very interesting for the citizens themselves, such as the renovation of museums, theatres, castles or archaeological sites, for examples the House of Venus in the Shell in Pompeii.

In terms of public resources, however, it is transport infrastructure that holds the record with 714 million euro of monitored funding, equal to more than half of total funds. These are expensive and complex projects, which users have a lot to say about in terms of real impact. The Monithon.it post that was (far and away) most read by users discusses the 152 million euro allocated for Palermo’s rail circuit: a group of citizens, many of whom active in the Open Data Sicilia community, carried out an investigation to retrace its history.

But there are also other types of project. The environmental theme is close to many people’s heart and 21 monitoring reports deal with this field. These are interventions that tackle the risk of hydro-geological instability (also in Milan!), composting plants (for example in Salerno), purification plants (in BeneventoCatanzaro, etc.), networks for air quality control, sanitary sewers (see for example Palermo).

Monitoring groups are also interested in examining public interventions for the requalification of their cities or neighborhoods. With regards to urban policies, for example, a very in-depth analysis was carried out in March 2015 about the Walls of Pisa in the context of local territorial development.

The nine research projects that were monitored were rather significant from a financial point of view. They range between medical and biotechnology research, to the construction of prototypes for the energy sector or of Information Technology.


Who is monitored?

OpenCoesione calls them “implementing bodies”, as they are referred to in European Fund jargon. They include Public Administrations, bodies or state-owned, semi-state-owned companies or private companies that have the formal responsibility of implementing projects financed with public funding.

The monitoring has privileged the local dimension. There are few projects managed directly by Ministries (9%), Regions (11%) or Provinces (7%), while 43% are implemented by Municipalities, a level that’s obviously close to the interests of civic monitoring groups.

A 22% share of Reports came to grips with the fragmented and complex world of local governance, interviewing state-owned companies, in-house bodies, municipalized companies, hospitals. Others monitored local public authorities include park entities, mountain communities, government departments, schools.

Only 8% of reports examined financing provided directly by privately-owned companies. In many cases these are not public subsidies for enterprises, but privately-owned companies that implement public interventions, such as the construction of rail infrastructure.


Where are the monitored projects?

Those who live in medium to big-sized cities in the South of Italy, and who pick up on this kind of thing, will have noticed in the most unlikely corners – in metros, outside churches, in public parks – a signpost with the EU’s flag that indicates a European funding. This is because the majority of European Funds, as well as national ones for territorial cohesion  aimed at reducing the divide between Italian regions,  is concentrated in Southern Italy.

It’s no accident then that the majority of monitored funding is in the South, and especially in the provinces of Palermo, Naples and Bari, where the value of examined projects reaches 100 million euro. Among the greatest exceptions are Florence, Milan and Turin. The provinces of Sassari, Ragusa, Lecce, Cagliari, Nuoro and Monza follow with more than 20 million euro monitored.


What are the sources of civic monitoring?

How did the monitoring groups manage to collect the information? Almost all of them did desk research, so using the web to find information and pieces of news, starting with OpenCoesione’s open data. A special catalogue is represented by administrative sources, so public documents that often help to rebuild the project’s history and to answer questions such as: Why was the project funded? What are its objectives? Who is involved in the decisions that led to its funding?

An 88% share of the groups inspected their projects, physically going to verify the progress of the project or the accomplished results, with videos and photos. In some cases the site inspection was not performed simply because the project…. wasn’t there! For example, it hadn’t been started yet and had remained a dead letter. This mustn’t necessarily be seen as a negative factor: the projects are tracked by OpenCoesione from the exact moment when funding begins and the works  are yet to start, but will hopefully start shortly after.

Those interviewed include people responsible for the interventions, such as public administrators (74%), the final beneficiaries, such as users of an infrastructure or service, and public representatives, such as  town councilors, mayors or Province Presidents (28%).


The results of civic monitoring: the users’ assessment

Let’s have a look at the actual results of the monitoring. First of all, it’s never easy to describe the results of a complex project: for sure nothing is ever perfect, neither is it all to be trashed. The “grey” areas are often prevalent and the qualitative assessment of Monithon users almost always reflects the difficulty in being clear-cut. What’s more, it’s Monithon’s own methodology that induces users to give importance to different facets, highlighting both the strong points and weaknesses of what they are examining. To understand this, you just have to read individual reports of Monithon.it.

In 2014 however, during a presentation at the Center for Civic Media of the MIT in Boston, we were asked: “How do you think you will aggregately represent your results if you only have detailed qualitative descriptions?” Good point. So in 2014 we introduced the “synthetic assessment”. A way to force the monitoring team to choose between a defined set of synthetic options.

What emerges is that the badly perceived European Funds didn’t perform so badly after all. A total of 67% of projects is assessed – with all the caveats – positively. In particular, 44% had been completed by the time of the monitoring inspection and was seen as useful. 23% is still ongoing but without major hiccups.

Among struggling project, 24% is ongoing and is also facing problems during the implementation (for example, it has been blocked), while only 6% of those completed are seen as ineffective.  Only 3% could not be assessed because the projects had just started.

It’s also interesting to see the assessment differences according to examined fields. Among the most relevant themes in terms of monitored financing, those that generated a more positive overall assessment are (considering both projects “completed and useful” and those “proceeding well”) research, transport and urban policies.

The themes with a more negative assessment are those in the fields of environment, culture and tourism and education. However it’s in the field of projects for cities that the highest percentage of “completed and ineffective” results are concentrated (10%).


The problems

Moving on to the weaknesses, we can ideally position the projects in a time sequence which starts with the launch and the financial management, moves on to the implementation (the actual works), then to the result (so to see if what was promised was delivered) and finally to the impact (if what was created is effectively useful from the point of view of final users).

A total of 5% of projects was blocked during the launch phase and so they never started, for example due to a delay in the granting of a permission, or because of legal disagreements or judicial inquiries. For example the Municipality of Matera received a 2.2 million euro funding for a Museum that was never built, at least up until April 2015, when the monitoring took place.

Problems of an administrative nature affect 12% of monitored projects, for example due to failed transfers of financial resources, cut funding or to blocks caused by bureaucratic procedures. For example two major research projects are struggling because of problems in effectively accessing funding: a biotechnology research center in Palermo (22 million euro, monitored in April 2016) and a project for the creation of an ecological minibus in Catania (450,000 euro, April 2016).

The center for youth aggregation “Cura et Valeas” in Locri (Calabria)

Almost one fifth of projects had problems during the implementation phase, which led to longer or shorter delays. There are many reasons for this: technical problems, lack of financial coverage and delays in the provision of funds, ongoing judicial inquiries, etc. This is the case for example of an old people’s home in Monte Sant’Angelo (Foggia), where works were only partially completed and, at the time of the monitoring inspection in April 2015, there was an ongoing legal procedure between the municipality and the contractor.  A more serious case is the one of the restoration of the Church of Galatone (Lecce), which has been in progress for 20 years and has yet to be finished despite the European financing (monitored in May 2016). Things went slightly better with the “Su Siccu” bike lane in Cagliari, which was finally completed after 11 years.

Only in a small part of projects (3%) were the works finished, but the results were no longer what was initially expected. The difference between the result and the real effectiveness of the project is a thinner line. The impact of the project can be negative even if the result is completely compliant with what was promised on paper, something that occurs in 6% of examined projects.

First of all the project might not respond to user needs: in the spring of last year the high-school “Galante” in Campobasso  asked citizens for their opinion about the new service to match the demand and availability of work of the Employment Center. The verdict: the service is a failure.

Or the project might be finished, but not completely operational. Although the renovation of a centre to welcome refugees in Bovalino (Reggio Calabria) was completed successfully, the structure risks being abandoned due to “a lack of furnishing and staff for the management”. This is what was verified in April 2016. A similar destiny also awaits the centre for youth aggregation “Cura et Valeas” of Locri, which was created using a building seized from a criminal organization and specifically renovated. In order to become operative though an association needs to take over its management and for the time being the Municipality’s call for bids has been deserted and nothing seems to be stirring.

The case of the Ancient Thermal Baths of Castellammare di Stabia are also disturbing : they were restored with a 12 million euro funding, but at the time of the monitoring in May 2016 were still not open to the public and “ 4 years later have been left in a state of abandonment and serious neglect”, given that the “works financed with European funds was never inspected, also due to the crisis of the management company Terme di Stabia S.p.a., that went bankrupt in 2015”.

Lastly, an infrastructure can be created perfectly, but may lack the authorizations necessary for it to become operative. This is what happened to the helicopter rescue pad in Agira (Enna), visited in March 2016, when they were just waiting for a final approval stamp from ENAC to allow it to open.

Another emblematic case is the problem of the lack of complementary interventions, possibly financed by other types of public funds (national or local), without which also the examined project will not have the right impact.

This is the case of the renovation project of the Old Hamlet of Cerignola (Foggia), visited in April 2016: everything was completed in time and to high standards. Unfortunately due to a lack of adequate policies for urban valorization the hamlet suffers from “neglect”, “dirt” and “phenomenon of stray animals”.

Another example: a social innovation project has created a prototype , but in order  to have a real impact it needs further financing to be launched on the market and to generate positive effects on the life of people. This is the case of Energy@Work near Brindisi, which was monitored in 2014.


Users’ suggestions

“And what happens now?” Civic monitoring groups, having assessed the results and the impact of a project, are asked to provide the most precious component of the initiative: ideas, recommendations, concrete proposals that can lead to improvements.

The majority of user advice, which concerns 36% of monitored projects, are accurate and specific suggestions for the examined project. They can be of a technical nature (for ex. the materials to be used for a renovation) or of a procedural-administrative nature (how to improve relations between two institutions, or the verification procedures to release payments…). Some suggestions, for example, regard the possible use of renovated assets (for example, those claimed from criminal organizations), so that they are truly useful for the local communities.

Other suggestions highlight the need to improve the project’s communication (15%). This is a good sign. It means that the project, almost always assessed as useful, needs to be communicated in a better way to ensure greater effectiveness. Furthermore this is an old obsession of those in charge of the communication of European Structural Funds, who believe  that funds – so Europe – are only mentioned  when there are negative situations, while good things are not communicated or are communicated badly. This is also true for comments according to which the monitored project should be continued or developed further (6%), for example to transform an experiment into a “fully operative” reality.

Lastly, some comments (7%) concentrate on the need to improve the projects’ governance. This term indicates many things: to improve collaboration between institutions to resolve problems of an administrative nature, to improve coordination between public and private bodies, but also include the citizenry more in decisions about how funds are used, and in particular the final beneficiaries of the interventions.


A new power

All in all, this small journey in Monithon’s civic monitoring proves at least two things.

The first is that using public data for a real accountability action is a huge effort, as well as an amusement. The data, despite being open, does not answer the universe of questions for responsible administrations, but on the contrary raises more. The novelty is that the funds we explored have reached that critical mass of transparency that allows anyone, as long as he or she is well organized and willing to study (that’s right, to study), to use the available information as a base for further research. These generally lead to the discovery of something useful also for the administrations, for example the impact of financed projects on the life of people.

The second is that, having acquired new tools, local communities are willing to work hard. You can see this in the very adult faces of the young kids that thanks to civic monitoring projects start to understand how public policies can improve their cities or guarantee more opportunities for their future. You can understand this by looking at those entities that everyday work to achieve their civic objectives and that by learning how financing works are provided with new weapons, acquire new powers and are more effective in using their energies.

Are our public administrations ready for all of this? How many of them are in turn willing to make the effort to listen, be accountable and take the necessary steps? As they say, we will find out in the next episode. In the next post we will examine the impact of civic monitoring, so whether and how the results we have seen have been used and what changes have they generated. We will report some cases with the intention of starting a good discussion. Which, of course, can already start now.

Luci e ombre dell’uso dei fondi pubblici: i risultati del monitoraggio civico di Monithon

Sono passati quattro anni da quando il team del portale nazionale open data OpenCoesione, partecipando al primo raduno di Spaghetti Open Data, ha proposto di trasformare un hack-athon in un moni-thon, cioè una maratona di “monitoraggio civico” dei finanziamenti pubblici.

L’idea era e resta semplice: scegliere su OpenCoesione un progetto finanziato, organizzarsi in gruppi e andare di persona a verificare come i soldi vengono spesi.

In questo post parliamo dei risultati dell’iniziativa Monithon a quattro anni dai primi esperimenti: Quali progetti sono stati monitorati? Come? Quali sono i giudizi degli utenti sui progetti pubblici? Quali sono i problemi rilevati e come è possibile risolverli?

In un secondo post vedremo invece quale impatto hanno avuto i monitoraggi, in termini di creazione di nuove relazioni a livello locale e miglioramento delle decisioni pubbliche.


Quattro anni di monitoraggio civico

Il 19 Gennaio 2013 ci siamo divertiti a organizzare la prima visita di monitoraggio civico a Bologna. Era un gruppetto di giornalisti, amministratori pubblici e cittadini curiosi. Subito ci incuriosì il “Bar Giuseppe”, in pieno centro, che aveva ricevuto un finanziamento pubblico per ristrutturare il locale. Il bar era chiuso! Ma ci siamo tornati l’anno successivo. Siamo andati allora a fare foto e citofonare alle scuole bolognesi che avevano ricevuto fondi dalla Provincia per finanziare dei lavori, mettendo tutto insieme in un Google Doc.

Il primo gruppo di monitoraggio civico a Bologna (gennaio 2013)

Da subito però ci è apparso chiaro che una sola giornata non era sufficiente per un vero e proprio “monitoraggio”. Bisognava prendere gli appuntamenti per le interviste, analizzare preventivamente i dati per trovare l’indirizzo esatto dei progetti da andare a visitare, raccogliere tutte le informazioni in un unico luogo… un vero e proprio lavoro di ricerca che richiede settimane o mesi, oltre che strumenti adeguati. Insomma quello che chiamiamo Slow Hacking.

La svolta è avvenuta all’Open Data Day di Bari e al successivo Festival del Giornalismo di Perugia del 2014. In uno degli hackathon della manifestazione fu creato Monithon.it, che allora era un sito con una grande mappa che localizzava i progetti più interessanti da monitorare. Lo sviluppo si basava su un adattamento del progetto open source Ushahidi, usato per monitorare le elezioni a Nairobi. Del gruppo fecero parte data journalists, analisti e attivisti appassionati di open data.

Senza un euro di budget, un po’ per gioco, un po’ per passione civica e un po’ per il piacere di condividere questa passione con una comunità aperta e curiosa, Monithon si è evoluto in una metodologia e una piattaforma per la condivisione dei risultati dei monitoraggi. I “Report di Monitoraggio Civico” consentono infatti di raccogliere informazioni comparabili tra gruppi di monitoraggio diversi. Mentre questi gruppi, grazie alle campagne lanciate durante l’Open Data Day del 2014 e la “Primavera di Monitoraggio Civico” del 2015, si diffondevano in quasi tutte le regioni d’Italia, una redazione nazionale si occupava di sviluppare gli strumenti comuni, supportare le attività sul campo e validare i report in vista della pubblicazione.

Il team di Monithon all’EU Hackathon 2015 a Bruxelles

I primi risultati concreti sono stati celebrati nientemeno che all’Assemblea Generale dell’ONU in occasione degli Awards dell’Open Government Partnership 2014, dove, in presenza di Barack Obama, la partnership OpenCoesione-Monithon si piazzò al quarto posto nel mondo rappresentando l’Italia. I giudici furono colpiti dalla capacità di una iniziativa governativa per gli open data di coinvolgere attivamente così tante persone.

Monithon ha continuato a crescere negli anni successivi grazie alle scuole del progetto A Scuola di OpenCoesione, ma anche grazie al coinvolgimento delle università, comunità locali e associazioni nazionali, come uno strumento comune e aperto a tutti, e come presidio metodologico per pianificare e strutturare la curiosità civica.


Chi fa monitoraggio civico?

Gli autori dei report sono in gran parte, e sempre più numerosi!, i team delle scuole superiori che partecipano al progetto A Scuola di OpenCoesione (ASOC), una delle iniziative di OpenCoesione. I ragazzi — motivatissimi —  hanno gioiosamente “preso il controllo” della piattaforma Monithon con decine di nuovi report ogni anno, e con una qualità che nel tempo è migliorata in modo stupefacente!
Contiamo molto anche sul futuro contributo degli studenti universitari. In questo post parliamo delle avventure del gruppo degli studenti torinesi MoniTOreali.

Nel periodo 2013-inizio 2014, durante le fasi di definizione della metodologia, i report sono stati in gran parte prototipi realizzati dal team di Monithon o da singoli cittadini, a volte componenti di quel gruppo iniziale che sperimentavano gli strumenti nelle proprie città.

Il picco dell’utilizzo di Monithon da parte delle comunità locali si è verificato nella primavera del 2014 in occasione dell’Open Data Day, quando 12 città in tutta Italia hanno fatto una “Maratona di monitoraggio” contemporaneamente, in collegamento video con Roma. Alcune di queste comunità sono rimaste attive nel tempo e hanno continuato a fare pressione perché i problemi rilevati fossero risolti. E’ il caso dell’associazione Monithon Calabria o della comunità informale Monithon Piemonte, nate appositamente allo scopo di promuovere i dati aperti e il monitoraggio civico dei fondi europei.

Nel corso degli ultimi due anni si sono rafforzate le partnership con associazioni nazionali di rilievo. Ad esempio, Action Aid Italia ha partecipato con Monithon a numerose iniziative di monitoraggio civico in Puglia, Marche ed Emilia-Romagna, culminate con la partecipazione congiunta al bando della Commissione Europea Integrity Pacts, un grosso lavoro, appena iniziato, su cui abbiamo grandissime aspettative! La rete di Libera e il Gruppo Abele sono un altro esempio di collaborazione che dura da quasi 3 anni, grazie a cui Monithon ha potuto sviluppare una metodologia per il monitoraggio civico dei beni confiscati alle mafie, e dei relativi finanziamenti pubblici, utilizzata anche per lo start-up di un altro progetto nato dal basso, Confiscati Bene.


Cosa viene monitorato?

Sono 177 i Report di Monitoraggio Civico presenti su Monithon.it. Ciascuno di essi riguarda un progetto finanziato da fondi pubblici, e quasi tutti i progetti (94%) sono stati selezionati a partire dal portale OpenCoesione.gov.it. Guardando al numero dei progetti, 177 progetti analizzati sembrano poca cosa rispetto ai 930mila presenti oggi su OpenCoesione. In realtà, i progetti scelti sono spesso rilevanti dal punto di vista finanziario, ed è per questo che l’ammontare dei finanziamenti complessivi dei progetti monitorati supera quota 1,26 miliardi. Si tratta in prevalenza di risorse provenienti dai Fondi Strutturali Europei e relativo co-finanziamento nazionale (cioè il Fondo Europeo per lo Sviluppo Regionale e, in misura minore, il Fondo Sociale Europeo).

La maggior parte dei Report di Monitoraggio ha messo sotto la lente i progetti per la cura del patrimonio artistico e culturale italiano, spesso molto interessanti per gli stessi cittadini, come la ristrutturazione di musei, teatri, castelli o siti archeologici come la Casa della Venere in Conchiglia a Pompei.

In termini di risorse pubbliche, però, sono le infrastrutture di trasporto a detenere il primato con 714 milioni di euro di finanziamenti monitorati, pari a più della metà del totale. Si tratta di progetti costosi e complessi, sui quali gli utenti hanno spesso molto da dire in termini di reale impatto. Il post di Monithon.it (di gran lunga) più letto riguarda proprio i 152 milioni di euro stanziati per l’anello ferroviario di Palermo, su cui un gruppo di cittadini, molti dei quali attivi nella comunità Open Data Sicilia, ha effettuato una vera e propria inchiesta che ne ricostruisce la storia.

Non mancano i progetti di altro tipo. Il tema ambientale è molto sentito, 21 rapporti di monitoraggio se ne occupano. Si tratta di interventi per fronteggiare il rischio di dissesto idrogeologico (anche a Milano!), impianti di compostaggio (es. a Salerno), depuratori (a Benevento, Catanzaro, etc.), reti di rilevamento della qualità dell’aria, reti fognarie (vedi Palermo).

Interessante per i gruppi di monitoraggio anche esaminare gli interventi pubblici per la riqualificazione della propria città o del proprio quartiere. In tema di politiche urbane, ad esempio, una ricerca molto approfondita di Marzo 2015 ha riguardato le Mura di Pisa nel contesto dello sviluppo territoriale locale.

I 9 progetti di ricerca che sono stati monitorati sono piuttosto rilevanti dal punto di vista finanziario. Spaziano dalla ricerca medica e biotecnologica alla costruzione di prototipi in campo energetico o dell’Information Technology.


Chi viene monitorato?

OpenCoesione li chiama, nel gergo dei Fondi Europei, “soggetti attuatori”. Si tratta di Pubbliche Amministrazioni, enti e aziende pubbliche, semi-pubbliche o private che hanno la responsabilità formale di portare a termine i progetti finanziati con risorse pubbliche.

I monitoraggi hanno privilegiato la dimensione locale. Sono pochi i progetti direttamente gestiti da Ministeri (9%), Regioni (11%) o Province (7%), mentre il 43% sono attuati dai Comuni, un livello evidentemente vicino agli interessi dei gruppi di monitoraggio civico.

Il 22% dei Report ha fatto i conti con il mondo frammentato e complesso della governance locale, intervistando società pubbliche, enti in-house, municipalizzate, aziende ospedaliere. Altri soggetti pubblici locali monitorati sono gli enti parco, comunità montane, soprintendenze, istituti scolastici.

Solo l’8% ha considerato finanziamenti erogati direttamente ad aziende private. In molti casi non si tratta di incentivi pubblici per le imprese ma aziende private che realizzano interventi pubblici, come la costruzione di infrastrutture ferroviarie.


Dove sono i progetti monitorati?

Chi vive in una qualunque città medio-grande del Sud, e ci fa caso, avrà notato negli angoli più insospettabili — nella metro, davanti a una chiesa, in un parco pubblico — un cartello con la bandiera dell’UE che indica che la presenza di un finanziamento europeo. Questo perché la maggior parte dei Fondi Europei e nazionali per la coesione territoriale, cioè per la riduzione dei divari tra le regioni italiane, è concentrata nel Mezzogiorno.

Non è un caso, quindi, che la maggior parte dei finanziamenti monitorati si trovi proprio al Sud, e in particolare nelle province di Palermo, Napoli e Bari, dove i progetti considerati valgono oltre 100 milioni di euro. Tra le eccezioni più rilevanti: Firenze, Milano e Torino. Le province di Sassari, Ragusa, Lecce, Cagliari, Nuoro e Monza seguono con più di 20 milioni di euro monitorati.


Quali sono le fonti del monitoraggio civico?

Come hanno fatto i gruppi di monitoraggio a raccogliere le informazioni? Quasi tutti hanno fatto ricerche di tipo desk, cioè utilizzando il web per trovare informazioni e notizie, a partire dai dati aperti di OpenCoesione. Una categoria particolare sono le fonti “amministrative”, cioè documenti pubblici che spesso aiutano a ricostruire la storia del progetto per rispondere a domande del tipo: Perché il progetto è stato finanziato? Quali sono i suoi obiettivi? Chi è implicato nelle decisioni che hanno portato al suo finanziamento?

L’88% dei gruppi ha fatto una visita al progetto, andando fisicamente a verificare lo stato di avanzamento dei lavori o i risultati prodotti, con tanto di video e foto. In alcuni casi la visita non è stata fatta perché il progetto semplicemente… non c’era. Per esempio, non era ancora avviato ed era quindi rimasto “sulla carta”. Questo non deve essere per forza letto negativamente, infatti i progetti vengono tracciati su OpenCoesione già nel momento in cui inizia il finanziamento e ancora i lavori non sono partiti, ma poi, si spera, partiranno.

Tra i soggetti intervistati troviamo i soggetti responsabili dell’intervento come ad esempio amministratori pubblici (74%), i beneficiari finali, ad esempio gli utenti di una infrastruttura o di un servizio (51%) e i referenti politici, assessori comunali, sindaci o presidenti di Provincia (28%).


I risultati del monitoraggio civico: il giudizio degli utenti

Veniamo dunque ai veri e propri risultati dei monitoraggi. Innanzitutto, non è mai facile descrivere il risultato di un progetto complesso: di certo nulla è mai perfetto e nemmeno tutto da buttare. Le aree “grigie” sono spesso prevalenti e i giudizi qualitativi degli utenti di Monithon riflettono quasi sempre la difficoltà ad essere netti. Inoltre, è la stessa metodologia di Monithon che induce gli utenti a dare importanza alle sfaccettature, evidenziando sia i punti di forza che quelli di debolezza di quel che stanno analizzando. Per avere un’idea, basta andarsi a leggere i singoli report su Monithon.it.
Nel 2014 però, durante una presentazione al Center for Civic Media dell’MIT di Boston, ci chiesero: “Come pensate di rappresentare in modo aggregato i vostri risultati se avete solo particolareggiate descrizioni qualitative?”. Good point. Introducemmo quindi, nel 2014, il “giudizio sintetico”, un modo per costringere il gruppo di monitoraggio a scegliere tra alcune possibili risposte sintetiche.

In definitiva, i tanto bistrattati Fondi Europei non ci fanno una cattiva figura. Il 67% dei progetti è giudicato — con tutti i caveat del caso — positivamente. In particolare, il 44% risulta concluso durante la visita di monitoraggio ed è giudicato utile. Il 23% ancora in corso ma senza particolari intoppi.

Tra i progetti in difficoltà, il 24% è in corso e ha problemi nella sua realizzazione (ad esempio, è bloccato), mentre solo il 6% è concluso e giudicato inefficace. Solo il 3% non poteva essere giudicato perché appena iniziato.

E’ interessante anche andare a vedere le differenze di giudizio a seconda dei temi dei progetti considerati. Tra i sei temi più rilevanti in termini di finanziamenti monitorati, quelli che mostrano il giudizio complessivamente più positivo (considerando sia i progetti “conclusi e utili” e quelli che “procedono bene”) sono la ricerca, i trasporti e le politiche urbane.

I temi con giudizio più “negativo” sono invece ambiente, cultura e turismo e istruzione. E’ però nell’ambito dei progetti per le città che si concentra la maggior parte dei progetti “conclusi e inefficaci” (10%).


I problemi rilevati

Passando ai punti dolenti sollevati dai monitoraggi, possiamo idealmente collocare i progetti in una sequenza temporale che parte dall’avvio e dalla gestione finanziaria per passare poi alla realizzazione (i veri e propri lavori), poi al risultato (cioè se quello che è stato promesso effettivamente è stato fatto), e infine all’impatto (cioè se quello che è stato realizzato è poi effettivamente utile dal punto di vista dei beneficiari finali).

Il 5% dei progetti risulta bloccato all’avvio e quindi mai partito, ad esempio a causa di ritardi nella concessione di autorizzazioni, oppure per contenziosi o indagini giudiziarie. Ad esempio, il Comune di Matera ha ricevuto un finanziamento di 2,2 milioni per un Museo mai realizzato, almeno fino ad Aprile 2015, data in cui è avvenuto il monitoraggio.

Problemi di natura amministrativa affliggono il 12% dei progetti monitorati, come ad esempio la mancanza di trasferimenti di risorse finanziarie, risorse decurtate o il blocco di procedure burocratiche. Ad esempio, due grossi progetti di ricerca sono in difficoltà per problemi di effettivo accesso finanziamenti: un centro di ricerca biotecnologico a Palermo (22 milioni di euro, monitorato ad Aprile 2016) e un progetto per la realizzazione di un minibus ecologico a Catania (450mila euro, Aprile 2015).

Quasi un quinto dei progetti ha avuto problemi in fase di realizzazione che hanno portato ritardi più o meno grandi. Le cause sono molteplici: problemi di natura tecnica, mancanza di copertura finanziaria e ritardo nell’erogazione dei finanziamenti, indagini giudiziarie in corso, etc. E’ il caso, ad esempio, di questa casa di riposo per anziani a Monte Sant’Angelo (Foggia), dove i lavori sono stati solo parzialmente eseguiti e, al momento della visita di monitoraggio ad Aprile 2015, era in corso un contenzioso tra il Comune e l’azienda appaltatrice. Caso più grave quello del restauro alla Chiesa di Galatone (Lecce), in corso da più di 20 anni e non ancora ultimato nonostante l’arrivo dei finanziamenti europei (monitoraggio di Maggio 2016). E’ andata meglio alla pista ciclabile “Su Siccu” di Cagliari, che dopo 11 anni è stata finalmente completata.

Solo una piccola parte dei progetti (3%), invece, ha completato l’opera ma il risultato non era così come previsto. Più sottile invece la differenza tra risultato e reale efficacia del progetto. L’impatto del progetto, infatti, può essere negativo anche se il risultato è pienamente conforme a quanto promesso sulla carta, cosa che accade nel 6% dei progetti esaminati.

Innanzitutto, il progetto potrebbe non rispondere ai bisogni degli utenti: nella primavera dell’anno scorso, il Liceo “Galante” di Campobasso ha chiesto ai cittadini cosa ne pensassero del nuovo servizio di incontro tra domanda e offerta di lavoro del Centro per l’Impiego. Risposta: servizio bocciato.

Il centro di aggregazione giovanile di Locri (RC)

Oppure, il progetto può essere completato ma non pienamente operativo. Nonostante la ristrutturazione di un centro per l’accoglienza degli immigrati a Bovalino (Reggio Calabria) sia stata completata con successo, il complesso rischia di essere abbandonato per “l’assenza di arredamento e personale per la gestione”. Così era stato verificato nell’Aprile 2016. Sorte simile per il centro di aggregazione giovanile “Cura ut Valeas” di Locri, creato in un bene confiscato alla mafia appositamente ristrutturato. Per renderlo operativo, però, occorre che una associazione si faccia carico della sua gestione, e per ora, purtroppo, il bando del Comune è andato deserto e ancora oggi non sembrano esserci buone notizie.

Inquietante anche il caso delle Antiche Terme di Castellammare di Stabia, restaurate grazie ad un finanziamento di 12 milioni di euro ma che, al momento del monitoraggio a Maggio 2016, erano ancora chiuse e, “a distanza di 4 anni, versano in uno stato di abbandono e profondo degrado”, dal momento che “l’opera finanziata con fondi europei non è mai stata collaudata, complice anche la crisi della società di gestione Terme di Stabia S.p.a., fallita nel 2015”.
Infine, una infrastruttura può essere perfettamente realizzata ma mancano le autorizzazioni per farla funzionare. Così è successo alla pista per l’elisoccorso di Agira (Enna), visitata a Marzo 2016, dove si aspetta solo il timbro finale dell’ENAC per farla funzionare.

Un altro caso emblematico è il problema dell’assenza di interventi complementari, magari finanziati da altre tipologie di fondi pubblici (nazionali o locali), in assenza dei quali anche il progetto esaminato non può avere il dovuto impatto.
E’ il caso del recupero del Borgo Antico di Cerignola (Foggia), visitato ad Aprile 2016: tutto completato nei tempi e buona realizzazione. Peccato però che, a causa di adeguate politiche di valorizzazione urbana, il borgo si affetto da “incuria”, “sporcizia” e “fenomeni di randagismo”.
Un altro esempio: un progetto di innovazione sociale ha realizzato un prototipo che però, per avere un reale impatto, ha bisogno di ulteriori finanziamenti per essere messo sul mercato e avere effetti positivi sulla vita delle persone. Questo è il caso di Energy@Work vicino Brindisi, monitorato nel 2014.


I suggerimenti degli utenti

“E adesso?”. I gruppi di monitoraggio civico, una volta valutati i risultati e l’impatto del progetto, sono chiamati a fornire la componente più preziosa dell’intera attività: idee, suggerimenti, proposte concrete che possano migliorare le cose.

La maggioranza dei suggerimenti degli utenti, che riguarda il 36% dei progetti monitorati, sono suggerimenti puntuali e specifici per il progetto considerato. Possono essere di natura tecnica (es. sui materiali da usare per una ristrutturazione) o di natura procedurale-amministrativa (come migliorare i rapporti tra due istituzioni, o le procedure di verifica per lo sblocco dei pagamenti…). Alcuni suggerimenti, ad esempio, riguardano possibili destinazioni d’uso di beni ristrutturati (ad esempio, quelli confiscati alle mafie), in modo che siano effettivamente utili alle comunità locali.

Altri suggerimenti mettono l’accento sulla necessità di migliorare la comunicazione del progetto (15%). E’ un buon segno. Significa che il progetto, quasi sempre giudicato utile, dovrebbe essere meglio comunicato per garantire una maggiore efficacia. Tra l’altro, questo è un vecchio pallino dei responsabili della comunicazione dei Fondi Strutturali Europei, secondo i quali si parla dei fondi — e quindi, dell’Europa — solo quando c’è da parlar male, mentre le cose buone non vengono comunicate o sono comunicate male. Dello stesso tipo sono i commenti secondo i quali il progetto monitorato dovrebbe continuare o essere ulteriormente sviluppato (6%), ad esempio per trasformare una sperimentazione in una realtà “a regime”.

Infine, alcuni dei commenti (7%) si concentrano sulla necessità di migliorare la governance del progetto. Con questo termine si intendono varie cose: migliorare la collaborazione tra istituzioni per risolvere problemi di natura amministrativa, migliorare il coordinamento tra soggetti pubblici e privati, ma anche includere di più la cittadinanza nelle decisioni sull’uso dei fondi, e in particolare i beneficiari finali degli interventi.


Un nuovo potere

In definitiva questo piccolo viaggio nel monitoraggio civico di Monithon dimostra almeno due cose.

La prima è che usare i dati pubblici per una reale azione di accountability è una gran faticaccia, oltre che un divertimento.  I dati, anche se open, non esauriscono l’universo delle domande per le amministrazioni responsabili, anzi ne sollevano di nuove. La novità è che i fondi che siamo andati ad esplorare hanno raggiunto quella massa critica di trasparenza che permette a chiunque, se è ben organizzato e ha voglia di studiare (eh sì, proprio studiare), di usare le informazioni disponibili come base per ulteriori ricerche. Queste generalmente portano a scoprire qualcosa di utile anche per le stesse amministrazioni, come ad esempio l’impatto dei progetti finanziati sulla vita delle persone.

La seconda è che, acquisiti nuovi strumenti, le comunità locali sono ben disposte a faticare. Lo si vede nello sguardo così adulto dei ragazzi che col monitoraggio civico cominciano a capire in che modo le politiche pubbliche possono migliorare le loro città o garantire più opportunità per il loro futuro. Lo si capisce guardando quelle realtà che ogni giorno si impegnano a perseguire i loro obiettivi civici, e che entrando nel merito di come funzionano i finanziamenti si dotano di nuove armi, acquisiscono nuovo potere, sono più efficaci nel veicolare le loro energie.

Le nostre amministrazioni sono pronte per tutto questo? Quanto sono disposte, a loro volta, a fare la fatica di ascoltare, rendere conto, e agire di conseguenza? Lo vedremo, come si dice, nella prossima puntata. Nel prossimo post si parlerà dell’impatto del monitoraggio civico, cioè di se, e come, i risultati che abbiamo visto sono stati utilizzati e quali cambiamenti hanno generato. Vi racconteremo alcuni casi che conosciamo con l’intento di aprire una bella discussione. Che può iniziare, naturalmente, già da ora.